Il passato non finisce mai

Dario Marchetti e Stefano Iachetti prendono spunto da un fatto realmente accaduto nel 1944 e miscelano autobiografia e finzione, personaggi reali e immaginari, per creare un romanzo che ha il suo sviluppo nel culmine degli anni di piombo. Alternano nel testo visioni adolescenziali ad analisi politiche e sociali tipiche di quegli anni. Un caso di omicidio è il pretesto per scavare nel passato di un paese e svelare il mistero che ha avvolto l’eccidio di alcuni soldati americani nella collina di San Benedetto, a Montebuono in Sabina.

 

12.00

Clear
SKU: 20-4-14 Categories: , Tags: , , ,

Dettagli del Libro

Pages

190

Cover Design

Ramona Abati

Publisher

Akkuaria

Language

Italiano

ISBN

978-88-6328-312-9

Released

Giugno 2017

Formato

Cartaceo

Nota sull'autore

Stefano Iachetti

Stefano Iachetti

Nasce e vive a Roma, dove lavora presso il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, è anche fotografo e autore. Nel 2008 ha curato (con Alfredo Baldi) il libro Esercizi sulla bellezza, edito da Electa Mondadori e Centro Sperimentale, dedicato ai seminari del Maestro Piero Tosi; nel 2014 ha realizzato il volume Asia Argento: La strega rossa, edito da Edizioni Sabinae e Centro Sperimentale, presentato, insieme all’omonima mostra fotografica, al Festival del film di Roma 2014. Nel 2017 ha pubblicato La paura cammina con i tacchi alti – il giallo all’italiana raccontato dai protagoniste del cinema degli anni Settanta, edizioni Il Foglio.

Le cinque della sera, nel corso della stagione estiva, erano uno di quei momenti in cui nessuno doveva disturbare Zanardelli e i montebuonesi lo avevano capito molto presto. Era in quel frangente che iniziava la preparazione della panzanella, un’altra delle sue grandi passioni, da coltivare in assoluta solitudine o in compagnia dei pochi raffinati buongustai in grado di comprendere l’importanza di quella che lui non aveva alcuna remora nell’indicare come la merenda degli dèi. A Montebuono aveva trovato l’ideale per farne qualcosa di pressoché unico, unendo il filone del forno con i pomodori locali, ma soprattutto con l’olio d’oliva extravergine della Sabina. Quando lo aveva scoperto, al suo arrivo in paese, ne era diventato un vero e proprio cantore, iniziando a studiarlo in modo da capire meglio da dove arrivasse quel vero e proprio nettare. Se non si voleva correre il rischio di finire in guardina, era meglio non provare a dubitare delle proprietà dell’olio e della sua posizione di preminenza nel panorama italiano.
 
 

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “Il passato non finisce mai”

Your email address will not be published. Required fields are marked *