Il labirinto gotico

Un uomo, una donna, l’ex marito e gli intriganti strascichi del precedente matrimonio.
Davvero ci si può fidare? E se poi…?
Quale motivazione spinge a fidarsi? L’amore? La solitudine? Il bisogno? Il fascino del mistero? La volontà, l’istinto, la fede o una ragione ancora maggiore?
Davvero per un atto di fiducia rischieresti i valori in cui credi, il futuro e le aspirazioni e i desideri?
Davvero pensi che ci sia un momento giusto e una persona giusta per tutto questo o è una illusione della mente?
Ma soprattutto: ci credi fino mettere in pericolo la vita?
L’ultima sorpresa è lasciata il lettore

12.00

Clear
SKU: N/A Category: Tags: ,

Dettagli del Libro

Pages

100

Publisher

Akkuaria

Language

Italiano

ISBN

978-88-6328-186-6

Released

Marzo 2018

Formato

Cartaceo

Nota sull'autore

Erberto Accinni

Erberto Accinni

È nato il 2 agosto 1950 a Milano. È iscritto al corso di laurea in Storia della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Statale di Milano.
Esordisce nel campo letterario con l’opera Il Vascello Incantato, nel 2007, alla quale segue …Perché una è la sorte, nel 2008, entrambe edite da Akkuaria
Collabora con la redazione editoriale di Akkuaria nelle scelte dei testi in via di pubblicazione e nella loro recensione.

Perché il labirinto?

Il labirinto è figura archetipica di un cammino irto di dubbi e inganni. Era il simbolo del caos originale e dello sforzo nella ricerca di un ordine per salvarsi, con coraggio e ingegno, dal disorientamento e dallo smarrimento che il percorso induce; nelle molteplici spirali che avvicinano e allontanano dal centro, è lo sgomento, l’illusione e l’intrigo ma anche la soluzione.
È un groviglio di meandri nei quali è facile smarrirsi: sentieri e ostacoli, disposti a quadrato o spirale, rendono complicato seguire l’unica via per giungere al centro; spesso l’ingresso è anche l’uscita, a simboleggiare la convergenza degli opposti.
Il termine è usato di frequente per indicare scelte difficili, oscure complicazioni, ambigue soluzioni, come quelle che si trovano costretti ad affrontare i personaggi del racconto.
Perché gotico?
Pur essendo un simbolo pagano, la sua presenza all’interno delle cattedrali gotiche suggeriva all’uomo medievale una via verso la conoscenza del bene e del male guidato dalla fede e da una intenso stimolo dettato anche dalla ragione: fattori necessari per superare le tortuosità del tragitto.
Oggi, sfrondato dai significati religiosi, il simbolo mantiene il significato di sfida che richiede ingegno per giungere al suo centro e uscirne senza perdersi nelle trappole ingannevoli del pensiero: un percorso che mette alla prova le capacità e le motivazioni all’azione dei protagonisti.

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “Il labirinto gotico”

Your email address will not be published. Required fields are marked *