Insabel

Rated 5.00 out of 5 based on 3 customer ratings
(3 customer reviews)

È vero che noi donne siamo creature difficili, lo dobbiamo ammettere. Lo so che non esistono amori che non si nutrano di pianto e non esistono amori felici, però a me piace aprirmi alla vita… senza per forza etichettare le persone.

Insabel

12.00

Clear
SKU: N/A Category: Tag:

Dettagli del Libro

Publisher

Akkuaria

Language

Italiano

ISBN

978-88-6328-292-4

Released

Febbraio 2017

Formato

Cartaceo

Nota sull'autore

Vera Ambra

Vera Ambra

Dopo diverse esperienze sia nel campo editoriale e sia nel campo giornalistico, nel 2000 propone il sito www.akkuaria.com. Dopo otto mesi di presenza in rete si classifica tra i primi 10 nella sezione cultura del Premio WWW indetto da Il Sole 24 ore.
Nel 2001 fonda e presiede l’Associazione Akkuaria.
È curatrice di siti e di collane letteratura contemporanea.
Tra le sue maggiori iniziative ricordiamo la rassegna artistica Viaggio tra le vie dell'Arte e il Premio Letterario Fortunato Pasqualino.

Non sempre si trova il coraggio di amare liberamente e apertamente, passionalmente, senza temere giudizio. Quante donne leggendo un romanzo che diventa quasi una sorta di pensiero collettivo femminile si espongono all’amore anche a costo di rimanerne ferite per sempre e non solo dal proprio uomo ma soprattutto dal sociale? Insabel trova questo coraggio, perché sa riconoscere e accettare la propria natura, ama il suo femminile, non lo ripudia né lo ignora come a volte tante donne fanno a costo di perdersi, accettando di non vivere l’amore e la passione, per la sicurezza, per il sociale, per il mostrare e l’ostentare una felicità amorosa che non c’è, e che forse non esiste, chissà…

Spesso la realtà e l’universo degli umani sentimenti appaiono difficili da comprendere e da analizzare in profondità, a volta sembra impossibile esprimere giudizi obiettivi su uomini e donne e sui loro rispettivi comportamenti soprattutto quando si tratta dell’amore…

Ci si lascia condizionare dai luoghi comuni, dalle circostanze e molto spesso proprio quei luoghi comuni, sociali e comportamentali somigliano sempre di più ad un abito, o per meglio dire, ad una divisa che deve per forza calzare a pennello per tutti. Ecco che, quando qualcuno esce allo scoperto e decidere di pensare, ma soprattutto di agire in piena autonomia, prendendosi il peso delle responsabilità delle proprie azioni e quindi, accettandone il risultato e le conseguenze, tutti sono pronti a puntare il dito contro, e perché?… perché ha avuto il coraggio di mostrarsi, per quello che è, senza nessuna maschera, perché ha agito in una sola parola… liberamente, e quindi è una minaccia. Questa minaccia prende proporzioni enormi se porta un nome: Donna-

Donna libera, cosciente e consapevole della propria vita è sinonimo di pericolo. Tutto questo prende forma e nome nelle pagine di un libro che semplicemente e direttamente centra in pieno quello che tante donne non dicono, ma pensano, e che molti uomini conoscono, ma ignorano; questo libro è Insabel di Vera Ambra.

3 reviews for Insabel

  1. Rated 5 out of 5

    Vergare pagine candide con le lettere infuocate estratte dal cuore.
    Parole che con la loro traccia desiderano imprimere in chi se ne vuol scaldare le sensazioni di un cuore.
    Espressioni che con un bagliore fiammeggiante marcano con il segno della passione l’intensità ed il moto del messaggio trasmesso.
    Condividere, emozionare, dare, dare, dare….

    Erre Estès

  2. Rated 5 out of 5

    Penso che, molto probabilmente il titolo di questo romanzo di vera Ambra sia stato scelto dall’autrice per civetteria e in omaggio alla sua posizione di donna.
    Ritengo che il titolo più appropriato sarebbe stato “Insabel e Fausto”. In effetti siamo in presenza di un racconto d’amore che riguarda entrambi. Infatti nel libro, non sono descritti semplicemente le sensazioni di Insabel, perdutamente innamorata del suo Fausto, ma anche quelle di quest’ultimo. Non è quindi un romanzo a senso unico, nato per esprimere solamente il mondo femminile che ruota intorno al concetto dell’amore, piedistallo eburneo della solita eroina dei tempi moderni libera di scelte e quant’altro in materia di sentimenti e di sesso.

    I protagonisti sono due e non una solamente, anche se unico è il sentimento che li lega.
    Sono parimenti descritti i sentimenti, le voluttà sessuali, le sofferenze, le grida represse delle loro anime e dei loro corpi, senza alcuna limitazione di sorta, così come sono descritti parimenti l’incertezza e la timidezza del loro primo incontro, non che le esperienze comuni presenti e passate.
    Ecco che tutto il romanzo nel suo svolgersi, sembra assumere la funzione del classico manuale dell’amore perfetto, dove minuziosamente e con molta arte poetica vengono descritte le varie fasi, dall’inizio alla fine di tutta la vicenda, accarezzando gradevolmente, stuzzicandola, la fantasia di chi legge.
    Quasi per dire al lettore: ecco! Se due esseri provano entrambi quello che descrivo, ebbene, si tratta di vero amore.
    La vera novità, almeno per le mie esperienze, sta nel fatto che il personaggio femminile, similmente ad uno maschile, diventa la descrittrice reale del suo modo di essere donna e di quello del suo compagno di essere uomo, senza alcuna remora o tabu o sotterfugio caratteristico dei romanzetti d’appendice.
    Ma non solo questo! Ella, pur parlando di se, di quello che prova, descrive anche enfaticamente la bellezza voluttuosa delle sue parti intime e di quelle del suo compagno, non omettendo di confrontarne le diversità, le eccellenze ed i punti più sensibili al reciproco piacere.
    Si potrebbe pensare ad una descrizione di sapore pornografico, ma in effetti non lo è poiché, l’erotismo descritto si confonde con le loro sensazioni, contemporaneamente descritte, ed ecco che il tutto viene permeato da un afflato lirico, materiale e spirituale nello stesso tempo.
    Non viene descritto solamente l’unione di due corpi in amore, ma la fusione di due anime in un paradiso che travalica la realtà , di cui il contatto fisico ne diventa reciproco simbolo.
    Da questo punto di vista, il libro di Vera Ambra può considerarsi anche un superamento del romanzo “Il Piacere” di D’Annunzio, dove l’uomo è l’artefice ed il gestore della voluttà e la donna non altro che l’oggetto passivo e succube.
    Non a caso ho citato il D’Annunzio, che con la sua poesia e la sua prosa sfrenata in ogni campo, ha varcato i limiti posti dalla precedente letteratura, lasciando però la donna o meglio la femmina nella muta contemplazione della sua mascolinità.
    Nell’autrice del nostro romanzo scompare ogni rapporto di sudditanza tra i due sessi, per dar luogo ad un reciproco diritto-dovere di eguaglianza nel bere il calice del piacere, senza dover ricorrere a motivazioni etiche e filosofiche o naturali. Nessun accenno ad imposizioni o rivendicazioni di tipo etico o religioso, nessun ricorso a questioni di riproduzione della razza umana, nessuna disparità davanti a quel paradiso reale che la natura, pur nella diversità del sentire, offre a due esseri in amore.
    Anche quando questo fatidico scambio d’amorosi sensi tra i due protagonisti, finisce per spezzarsi, poiché appare, come ineluttabile, questa evenienza, che è una novità rispetto alla precedente letteratura romantica dell’ amore eterno, rimane intatta questa parità di comportamenti tra i due appartenenti a sessi differenti, indipendentemente dal fatto che, poi, i due possano, infine, come effettivamente avviene, ritrovarsi.
    E’ contemporaneo i reciproco il disagio di entrambi per il paradiso perduto, senza alcun accenno a vittimismi di prassi, cui soggiacciono sempre le donne in un modo o nell’altro.
    La dura realtà è che la fine di un amore tra due esseri viventi, è un dramma per entrambi, senza esclusione di sorta, anche se vissuto e sentito in maniera differente, sia dal punto di vista materiale che spirituale.
    Non mi resta di accennare alla forma del romanzo, ossia all’esposizione letterale dei concetti e delle vicende.

    La prosa scorre leggera sugli argomenti, senza ingrottarsi in spiegazioni elaborate dei sentimenti di entrambi i protagonisti, rendendo in pieno lo spirito di raggiunta eguaglianza del loro sentire.
    Al lettore appare spontaneo, periodo, dopo periodo, assaporare questo continuo e loquace scambio di opinioni e reciproche notizie intorno ai loro corpi ed ai loro sentimenti.
    Stupisce la proprietà di vocaboli e la loro significativa aderenza nel descrivere le opposte sensazioni dei due protagonisti nell’esternazione dello stesso amore solitario, oltre quello comune, che è più evidente.
    L’intercalare di versi esplicativi all’inizio di ogni capitolo, che sintetizzano il suo contenuto amoroso e quel tratto di vita vissuta del romanzo, contribuiscono moltissimo alla liricità dell’opera, poiché è fuor di dubbio di trovarci di fronte ad un libro che non è solo prosa, ma poesia vissuta.

    Ovviamente non è il tipo di lirismo manzoniano, che ha altri fondamenti, né quello inquietante del Foscolo infarcito di illusioni o quello leopardiano madido di sofferenze e dolore, ma è quello scaturito dal nuovo modo di sentire moderno che incede nella completa ed assoluta contemplazione di tutti i sentimenti umani nel loro procedere spedito verso la felicità da raggiungere o, magari, da archiviare tra i ricordi.

    Ometto volutamente citazioni di parti del romanzo per non appesantire questo mio saggio e per non togliere al lettore il piacere di scoprire direttamente le cose che ho scritto.

  3. Rated 5 out of 5

    Ho letto il tuo insabel appena arrivato la settimana scorsa ed è bellissimo. C’è un po’ di tutto, amore malinconia accettazione e rimpianto, ma più di tutto ho visto la vita, l’eterno cercare un senso di noi uomini a questo grande mistero, e forse lo si capisce sempre troppo tardi questo senso. Perche si vivrebbe meglio se lo si sapesse da subito.
    Un po’ di malinconia nel finale proprio perché ti spinge ad interrogarti, ma questo vale per me, ognuno legge un libro ad un certo momento del suo percorso… e le impressioni e ciò che ti resta dentro sono sempre diverse.
    Complimenti cara per tutto. Per il libro. Per il coraggioso percorso di casa editrice che intuisco indipendente e difficile. Per ciò che fai per Elena.
    Ci sono donne che lasciano un segno e tu sicuramente sei una di queste auguroni
    Vera Maltoni

Add a review

Your email address will not be published. Required fields are marked *