Catania alla ricerca della catanesitudine tra usi e costumi locali

Nel primo volume Catania alla scoperta della catanesità in forma di parole, per far comprendere meglio il modo di parlare dei Catanesi e mettere in luce lo spirito che li anima, ho trovato la soluzione di mettere “in scena” direttamente “le parole” come se si trattasse di attori che recitano la parte assegnata. Dalla stessa “parola” nasce quella sorta di dualità che divide e miracolosamente unisce i caratteri dei Catanesi, quasi che fossero figli della stessa madre ma non dello stesso padre. Un viaggio dunque nel complesso linguaggio del popolo catanese per mettere in risalto tutte quelle peculiarità che li rendono unici e inimitabili.

Attraverso brevi racconti, ancora una volta torna sul palcoscenico della parola la gente di tutti i giorni, quella che s’incontra per strada. Ancora una volta saranno le “parole” a far rivivere tutto ciò che molto probabilmente sentiamo tutti i giorni…

 

20.00

Clear
Aggiungi alla lista dei desideri
Aggiungi alla lista dei desideri
SKU: N/A Categories: , Tags: ,

Dettagli del Libro

Pages

370

Publisher

Akkuaria

Language

Italiano

ISBN

978-88-6328-388-4

Released

Novembre 2021

Formato

Cartaceo

Nota sull'autore

Vera Ambra

Vera Ambra

Dopo diverse esperienze sia nel campo editoriale e sia nel campo giornalistico, nel 2000 propone il sito www.akkuaria.com. Dopo otto mesi di presenza in rete si classifica tra i primi 10 nella sezione cultura del Premio WWW indetto da Il Sole 24 ore.
Nel 2001 fonda e presiede l’Associazione Akkuaria.
È curatrice di siti e di collane letteratura contemporanea.
Tra le sue maggiori iniziative ricordiamo la rassegna artistica Viaggio tra le vie dell'Arte e il Premio Letterario Fortunato Pasqualino.

Scrivere di Catania è come scavare un nuovo Pozzo di San Patrizio,1 l’ho capito nel momento in cui ho deciso di raccontare gli aspetti più salienti della città alle mie nipotine, che al momento sono piccoline ma un giorno, crescendo, avranno modo di scoprire tutto quello che per me è servita una vita intera, e ancora ne so troppo poco…

Ciò che ho riportato nel primo volume, Catania alla scoperta della catanesità in forma di parole, è un itinerario che inizia con le parole che fanno parte del nostro lessico quotidiano, di cui tantissime dimenticate ma in ugual modo sono incise nel nostro DNA, e al momento giusto affiorano leggere alla mente e subito dopo se ne tornano ai loro posti.

Per rappresentare i nostri “modi di dire” ho inventato alcuni personaggi che, con assoluta genuinità, hanno interpretato i ruoli a loro assegnati, inscenando due famiglie a confronto nella loro quotidianità.

Inoltre sono stati trattati alcuni aspetti storici della città e delle persone che ci hanno preceduti, e per completare un excursus di ricordi personali a partire dagli anni ’60 ai giorni nostri.

Di questo primo libro sono stati pubblicate quattro edizioni. Tra la prima e l’ultima si sono aggiunte un numero considerevole di pagine poiché non si potevano lasciar “fuori” alcune personalità che erano stati trascurati… e come una ciliegina tira l’altra mi sono ritrovata in mano una nuova raccolta di ricordi proposti da preziosi amici che hanno voluto condividere questo mio progetto e, alla fine, è stato necessario dar vita a due nuovi volumi, di cui questo è il secondo.

A dir il vero, prima di prendere questa decisione, ho trascorso lunghi giorni a riflettere su ciò che avrei potuto “tagliare” ma, alla fine, eccomi qui alle prese con le nuove storie da fissare su carta.

A dir il vero, in corso d’opera sono nati dei nuovi progetti editoriali interessanti che, di là degli interventi che verranno pubblicati in questi due nuovi volumi, sono diventate pubblicazioni autonome come La TV privata La Pop TV, del giornalista catanese Carmelo Aurite e Trent’anni di musica ribelle a Catania, 1970-2000 Storie di ordinaria rockfollia dell’architetto Davide Spampinato.

Il filo conduttore che unisce il percorso catanese dei tre volumi è il recupero di una memoria che parte da molto lontano e si sofferma maggiormente nel periodo degli anni Sessanta ai giorni d’oggi.

È stato raccontato tanto, ma c’è tanto ancora da narrare e non è detto che presto non possa dare il via a un quarto volume… ma intanto vorrei completare questi ultimi due.

In queste pagine si abbraccia un nuovo percorso basato principalmente sugli usi e costumi locali che abbondano nella ricchezza della sua storia, influenzata dalla moltitudine di dominazioni. Dunque un lungo viaggio sulle radici di una città, piena di sorprese.

La città di tutti i giorni, raccontata, con parole e immagini, per mettere in evidenza i sentimenti e le tradizioni che affondano le radici in ognuno dei suoi abitanti.

Sono tanti gli anici che hanno contribuito alla realizzazione di quest’opera mettendo ognuno a disposizione una fetta della nostra storia, recuperata al solo scopo di non farla disperdere.

Così in questo volume ritroviamo l’evoluzione del quartiere di San Cristoforo, esposta da Pippo Nasca, oppure un interessante excursus sul modo di mangiare a Catania, per non parlare della devozione di Sant’Agata, della musica e dei movimenti musicali ampliati da Gianni De Luca e Francesco Torrisi, dal mondo del calcio ai modi di dire, filastrocche e quant’altro vanno a formare quelle perle di saggezza della nostra Catania.

Un itinerario che, in fin dei conti, è solo un modo per dire grazie a una Città che mi ha dato tanto, ed è anche un modo per ricordare le persone che hanno attraversato la mia vita, per questo un grazie speciale a tutti quelli che hanno reso possibile questa nuova avventura che – naturalmente prosegue – in un altro volume.

 

Hanno preso parte al progetto:
Alessandro Russo, Alessandro Scardaci, Carmelo Aurite,
Cecilia Marchese, Cristina Gatto, Francesca Cavaleri, Francesco Turrisi, Gianni Coppola, Gianni De Luca, Lina Giuffrida, Marta Lìmoli,
Mimmo Rapisarda, Pippo Nasca, Santo Privitera,
Roberto Quartarone, Sergio Nunzio Capizzi, Torquato Tricomi

Fotografie di:
Andrea Mirabella, Armando Rotoletti, Ciccio Cristaldi, Claudio Bonaccorsi
Ferdinando Famiani, Francesco Raciti, Francesco Scauso, Marco Sparta, Roberto Fuzio, Roberto Viglianisi, Salvo Olimpo, Salvo Puccio