Dal bianco di un foglio

Questa pregevole raccolta di poesie di Dominga Carrubba ci riconcilia con il senso della “parola” proprio in un momento storico in cui sembra che essa abbia smarrito il suo intrinseco ed originale valore. È un piacere avvertire che i termini lessicali ancora possono fruire d’una forte vitalità fino al punto di recuperare e conservare il privilegio di essere veicolo di trasmissione delle proprie sensibilità nei riguardi del lettore.
È una poesia, dunque, che nasce nel silenzio della propria intimità per poi manifestarsi in frequenti analisi sui valori smarriti e perdita di punti di riferimento chiari; quindi, per questo, è poesia dove l’intimismo si fa universale perché così dev’essere. La poesia, infatti, non è mai un evento personale in quanto tutto ciò che provoca timori e turbamenti nel proprio intimo, nasce dalla realtà in cui si vive.

12.00

Clear
SKU: 20-4-9 Categories: , Tags: , ,

Dettagli del Libro

Pages

113 Pages

Publisher

Akkuaria

Language

Italiano

ISBN

978-88-6328-290-0

Released

Ottobre 2016

Formato

Cartaceo

Nota sull'autore

Dominga Carrubba

Dominga Carrubba

È nata a Palermo, vive e lavora a Messina.
Ha pubblicato la silloge di poesie Cimeli di organza (Ateneo Nazionale di Poesia e di storia delle Poetiche Europee, Roma, 2006), il cui ricavato è stato devoluto interamente all’Associazione IBISCUS (Onlus) – Lega per la ricerca e il trattamento della leucemia e dei tumori infantili presso l’Unità Operativa di Ematologia e Oncologia Pediatrica di Catania. Di recente questa silloge è stata rivisitata in versione ebook, accostando opere di pittori italiani contemporanei ai versi poetici. Anche il remake è stato incluso in un progetto di beneficenza in favore dei minori svantaggiati inseriti nelle comunità alloggio dell’Istituto Antoniano di Cristo Re a Messina.

Sue poesie sono presenti in opere collettive, tra cui il libro artistico “Olmo”, 2013, ideato dalla Direzione della Casa Circondariale di Lodi e dal Liceo Artistico “Callisto Piazza”.
È iscritta nell’albo Giornalisti di Sicilia – Elenco Pubblicisti, collaborando con testate editoriali cartacee e online.

L’eremo datomi
dal bianco di un foglio
presto scompare
fra gli altri
venendo
Di quei bimbi
ho memoria
coi fiocchi ai capelli
per mano cantare
e le madri baciare
Ma nel tempo percorso
dal tempo che vivo
i bimbi rivedo
nei sciolti capelli
e i tacchi più alti
pei parchi di droga
godere e fuggire
Che il vuoto si colmi
a meno d’impaccio
di un passo deviato.
 
 
 
Questa pregevole raccolta di poesie di Dominga Carrubba ci riconcilia con il senso della “parola” proprio in un momento storico in cui sembra che essa abbia smarrito il suo intrinseco ed originale valore. È un piacere avvertire che i termini lessicali ancora possono fruire d’una forte vitalità fino al punto di recuperare e conservare il privilegio di essere veicolo di trasmissione delle proprie sensibilità nei riguardi del lettore.
È una poesia, dunque, che nasce nel silenzio della propria intimità per poi manifestarsi in frequenti analisi sui valori smarriti e perdita di punti di riferimento chiari; quindi, per questo, è poesia dove l’intimismo si fa universale perché così dev’essere. La poesia, infatti, non è mai un evento personale in quanto tutto ciò che provoca timori e turbamenti nel proprio intimo, nasce dalla realtà in cui si vive.

 

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “Dal bianco di un foglio”

Your email address will not be published. Required fields are marked *