Viator

Ho letto le tue poesie: una lunga gita per il mondo, un piccolo trattato di geografia che per fortuna non diventa mai cartolina, ma è sempre palpito di percezioni molto belle e profonde. Mi piacciono la tua essenzialità e la tua chiarezza.

Dante Maffia

12.00

Clear
SKU: N/A Categories: , Tags: ,

Dettagli del Libro

Pages

140

Publisher

Akkuaria

Language

Italiano

ISBN

978-88-6328-337-2

Released

Giugno 2018

Formato

Cartaceo

Nota sull'autore

Ruggero Marino

Ruggero Marino

Ruggero Marino, giornalista, poeta, scrittore è nato a Verbania Intra. Ha lavorato per 34 anni al “Tempo” di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale, di redattore capo centrale e di responsabile della cultura. Ha fondato e diretto per 7 anni il trimestrale “Poeti & Poesia”. È autore di un libro a più mani per l’Unicef “Bambini” (Premio Sorrento). Ha scritto tre libri di poesie: Minime & massime, L’inferno in paradiso (Premio Indic) e Le stagioni del Turano, premio Laurentum e premio Rosse pergamene. Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Asso-ciazione Stampa Romana. È considerato a livello mondiale uno dei massimi esperti di Cristoforo Colombo. Con il volume sull’Ammiraglio, “Cristoforo Colombo e il papa tradito”, ha vinto il Premio Scanno. Il libro “Cristoforo Colombo l’ultimo dei Templari” ha avuto quattro edizioni ed è stato tradotto in 7 paesi. “L’uomo che superò i confini del mondo”, due edizioni, ha vinto il Premio “cultura del mare” al Circeo ed è entrato fra i 5 finalisti dell’Acqui Storia” e del Premio Gaeta. Nel 2012 ha pubblicato la favola-apologo “Stella e il circo”, scritta con Riccardo Fellini, il fratello, scomparso anche lui, del grande Federico. È uscita da poco su Amazon la love story “Ossessione d’amore”. È fra gli autori del saggio in lingua inglese “On pre-columbian contacts between America and other continents” a cura del Professor Emilio Spedicato.
È Commendatore al merito della Repubblica. Membro onorario della Pontificia Accademia Tiberina. Accademico onorario belliano. Cavaliere ad honorem del V.E.O.S.P.S.S.
Il suo sito è www.ruggeromarino-cristoforocolombo.com

La poesia di Ruggero Marino è una sorta di graffio alla compattezza e all’imperscrutabilità del mondo e della vita. Una richiesta continua, avanzata di un senso o, almeno, la possibile risposta alle molte domande che affiorano nel “viator”, metafora forte che lo accompagna nelle tante peregrinazioni, mentre il suo occhio, la fantasia, la memoria scorrono come in un caleidoscopio sulle immagini di un passato su cui si deposita il caldo alito della nostalgia.“Lasciatemi andare / oltre il confine delle fiabe / per tentare / in questo giorno / fuori del tempo / di ritrovare / almeno per un attimo il tesoro / sotto la ruota dell’arcobaleno: / il sorriso e gli occhi / di quando ero bambino”. E quelle di oggi, più dure e drammatiche: “Vengono dal niente / sono meno di niente. / Vengono dalla persecuzione / vengono dall’Africa / vengono dal Medioriente / da quelle che furono / le culle dell’uomo: / sono stati i primi / ora sono gli ultimi. / Vengono come polli / stivati senza spazio.

Le parole di Marino sono semplici, dirette, fortemente comunicative. Anzi sembrano spingere sulla capacità di comunicare emozioni. Puntano all’immediatezza della rappresentazione di un pensiero fortemente emozionato dalle sue stesse sensazioni, dai convincimenti più profondi di quelle che danno vigore intellettuale e l’energia verbale alla cognizione del Sé: “É inutile, non venite / a dirmi che sono / un figlio delle scimmie. / Tanto meno del caos. / Io preferisco e sento / di essere soltanto / un figlio delle stelle.

Emozionato di fronte allo stupore del mondo che può essere ancora quello dell’avventura, del viaggio, della scoperta, dell’in-contro con l’altro per meglio sapere conoscere se stessi. Emo-zionato di fronte alla necessità di comporre il senso di una vicenda e di una vita e la sensazione è di una parola ancora semplice e intensa, tutta raccolta intorno alla certezza che in questa superficie di immagini e riflessioni variamente articolate possa sciogliersi ogni complessità.

C è una parola che torna sovente nelle poesie di Marino ed è “volo”. Come trovare un punto dall’alto con cui osservare le cose e il mondo per ricavarne una più equa distanza, un più proporzionato rapporto tra realtà e sogno, avventura e routine, tra il sé (la sua storia, la sua malinconia, il tempo che lo consuma) e il fuori di sé, lo spettacolo e il dolore del mondo che è inesauribile e abitua l’occhio alla visione.

Bisogna affidare alla poesia questa diretta immediatezza, convenzionale nel senso comune che insegue e circoscrive. Ma l’immediatezza ha un fine e Marino sembra comprenderlo. Bisogna anche tornare a leggere (e a saper leggere) la poesia, se vogliamo che essa perda, ai nostri occhi e al nostro cuore, la propria “oscurità”. O meglio, se vogliamo che tale oscurità – come diceva Giorgio Caproni – cessi di essere un ostacolo.

Renato Minore

 

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “Viator”

Your email address will not be published. Required fields are marked *