Sale!

L’epigono di Magellano

Io e Magellano formavamo l’equipaggio più scombinato del Mediterraneo, e fu proprio circumnavigando lo sterminato ufficio delle poste centrali che lei si avvicinò allo sportello pacchi celeri con fare inquisitorio.
«Mettilo giù! non vedi com’è grasso e assonnato? A tenerlo in braccio impigrisce.»
Emanava un invadente profumo. L’olfatto ferito fece rizzare i peli al mio sodale tanto da mandarlo in bestia. L’intrusa aveva varcato le sue acque territoriali e mi fissava negli occhi. Due infrazioni in una. Adirarsi e graffiarla nello spazio di un attimo come sa fare un autentico felino.

3.0012.00

Clear
SKU: 20-4-31-12 Categories: ,

Dettagli del Libro

Pages

191

Publisher

Akkuaria

Language

Italiano

ISBN

978-88-6328-156-9

Released

Dicembre 2012

Formato

Cartaceo, Ebook, pdf

Nota sull'autore

Ubaldo de Robertis

Ubaldo de Robertis

Ricercatore chimico nucleare, membro dell’Accademia Nazionale dell’Ussero di Scienze, Lettere, ed Arti.
È autore de Il tempo dorme con noi,
Primo Premio Saggistica Giovanni Gronchi ‘99, e di numerosi racconti. Sue composizioni poetiche sono apparse in Antologie e Riviste Letterarie.

Due storie, quella di un giovane ricercatore di Fisica della Pisa di fine secondo millennio e di un gatto apparentemente separate, ma in realtà strettamente intrecciate fino a sovrapporsi e a fondersi, si snodano in un romanzo denso di riflessioni e sentimenti, di sogni e delusioni, di propositi e fallimenti, di analisi spietate, il tutto sorretto da una robusta ironia. Il protagonista appare come una persona viva, reale, in cui tanti lettori possono riconoscersi. Il giovane, assillato da topi, esperto di tecniche di cattura, nutre velleità letterarie, ma dà alle fiamme il suo romanzo così finisce per identificarsi con Bulgakov, e persino con il Maestro. Non a caso ha un’amante di nome Margherita. Il racconto, avvincente, procede in modo lineare (con alcuni opportuni flashback che arricchiscono il quadro) come in una sceneggiatura cinematografica, per segmenti in sé compiuti, sintetici e illuminanti, grazie anche a un linguaggio asciutto, adattato alla varietà degli ambienti, delle situazioni e delle peculiarità psicologiche.

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “L’epigono di Magellano”

Your email address will not be published. Required fields are marked *