Recensioni

Torquato Tricomi sigilla i segni del tempo

Le tradizioni – ahimè – lasciano spazio a freddi momenti incapaci di suggellare attimi, le ore, fugaci e ripetitive, scandiscono giornate che non ricordiamo facilmente. Odori uguali ad altri, sapori che non lasciano il segno. È la nostra vita ai tempi del 2.0. Ricordiamo, invece, con calore e con autentici sorrisi quell’infanzia scolpita da momenti semplici. La letteratura, l’arte, la musica, rimangono pur sempre lo scrigno dal quale attingere emozioni autentiche. Catania, le sue tradizioni, i suoi termini dialettali, i vicoli, le feste. I saloni da barba. I barbieri. Quei saloni in cui ritrovarsi perché “non ci si ammalava mai...

Continua a leggere

Il segreto di Giacinta

Il romanzo ha come sfondo una Sicilia piena di colori e di profumi, una società contadina in radicale mutazione e il modernismo abbracciato dagli Italiani nei primi anni del benessere nazionale. La storia si svolge alla vigilia degli anni ’60 e mette accanto due figure femminili di età diversa alle prese ciascuna con i suoi dilemmi: Chiara, giovane cittadina che, durante le vacanze passate in campagna dai nonni, è diventata amica di una contadina più grande di lei, e la graziosa Giacinta che fa innamorare gli uomini. Giacinta sposa dapprima un uomo maturo, don Santo, che muore precocemente; dopo, si...

Continua a leggere

Anonimi rappresentanti dell’umanità

In “Racconti di parallela quotidianità”, storie dall’equidistante mondo dei sentimenti, Laura Rapicavoli ci immette in ben nove vicende, nell’ambito di una “illusoria illusione” (se così possiamo definirla). Ad una prima analisi del testo, sembrerebbe che il concetto legato al contenuto si affidi a quella “finzione” di pirandelliana memoria. Ma, in effetti, così non è. Se si pensa “che nulla è come appare e ciò che appare non è”, in virtù del fatto che tutto ciò vediamo viene filtrato dallo specchio deformante della nostra coscienza, nella narrativa della Rapicavoli tale pensiero risulta essere un po’ aleatorio. Nelle sue vicende, infatti, se...

Continua a leggere

La guerra di Lorenzo il pacifismo in trincea del tenente siciliano

Quella notte Lorenzo non riuscì a dormire. Sarà stato il vino, o il litigio con Marisa, o forse quel caldo umido delle notti del sud che ti fa appiccicare addosso le lenzuola e per quanto ti rigiri nel letto non ne esci vivo e sudi e ti rigiri e alla fine non ne puoi più e preghi perché scoppi uno di quei bei temporali di fine estate così da avere un po' di sollievo. Marina non era propriamente la sua fidanzata, ma si illudeva di esserlo e si comportava come si conviene ad una ragazza onesta: disapprovava le sue amicizie,...

Continua a leggere

Dialogo con l’anima

"A passo lento - Dialogo con l’anima" più che un libro di poesie quello composto da Katia Giannotta è un percorso formativo all’Amore che tutti dovrebbero seguire. Proprio perché ci troviamo in un mondo dove certi valori pare siano evaporati nel tran tran quotidiano di vite esasperate alla ricerca spasmodica del benessere materiale. E, invece, l’autrice con pacatezza, non disgiunta però da una forte energia trascinante, ti porta con mano nei vari sentieri dell’Amore, che diventa la chiave di volta per la risoluzione di tutte le tematiche terrene - e non solo - che più ci attanagliano e con cui...

Continua a leggere

Ricordati il bitter

Ricordati il bitter è il secondo libro dell'autore; viene dopo Porta le mentine, di cui riecheggia il titolo e i contenuti. Li ho letti entrambi, e posso dire che presentano la formula tipica del centometrista che scrive: racconti brevi, spesso brevissimi, annotazioni, confessioni, ricordi. Dicevo centometrista: il nostro, come da biografia, arriva diritto diritto dal mondo della comunicazione: ha fatto il copywriter, ovvero, per chi non lo sapesse, colui che in un'agenzia di pubblicità, si occupa della arte testuale di un annuncio, un'affissione o altro. Testi minimalisti da un punto di vista della stesura, ma non da quello dei contenuti....

Continua a leggere

Premio Akadèmon

Elena della Giovanna e Paolo Tortorici sono gli Autori di Akkuaria che quest'anno saranno tra i protagonisti alla settima edizione del Premio letterario Akadèmon. La serata di premiazione si svolgerà Sabato 1 luglio 2017 presso la corte di Palazzo Cantarella ad Aci S.Antonio (ridente cittadina a circa 9 Km da Catania). Il premio Akadèmon nasce nel contesto del Filmfestival EtnAci (IX edizione) dedicato a cortometraggi e mediometraggi a tema libero provenienti da tutto il mondo. Nel corso del quale è stato conferitoil premio Ergon a registi come Roberto Luis Garay (regista argentino), Alessandro Di Robilant, Pasquale Scimeca, Aurelio Grimaldi, Sebastiano...

Continua a leggere

Una sfida

C’era una volta un pomeriggio solitario di Gennaio. Correva l’anno 2015. Avrei voluto tanto che corresse da un’altra parte l’anno 2015: dopo una separazione complessa nel 2012, due figli piccoli, due licenziamenti nel giro di due anni, stavo risollevando la testa quanto meno affettivamente, quando l’ennesima porta si era chiusa. Era partito malissimo il 2015.  Se ne stava andando il Natale, con tutto il dolore del Natale per le persone sole, con tutta la frustrazione che solo il Natale può portare a chi si sente uno sconfitto o un “rinunciato dalla vita”. Io così mi sentivo a 38 anni, mi...

Continua a leggere

L’imprevisto entusiasmo

Con più entusiasmo di prima ho curato la stesura del nuovo libro di Elena, che tra l’altro ho avuto modo di conoscere di persona.
Che dire di Lei? È una donna autentica, ingenua, altruista, genuina, ma ciò che mi piace ancor più è il suo carattere allegro spontaneo e soprattutto il carico di entusiasmo che riesce a trasmettere.

Continua a leggere

ArabicDutchEnglishFrenchGermanItalianSpanish